Europa 323 Mini IWP LLD logo ochsner piccolo MidiMaxiStandardMSV LLD

Descrizione

Pompa di Calore Aria/Acqua per produzione di acqua calda sanitaria con accumulo separato

Classe di efficienza energetica

Classe A+

 

 

Mini IWP Sfondo Bianco+Ombra LD

Applicazioni

  • Produzione di acqua calda ad alta efficienza
  • Raffrescamento della dispensa
  • Deumidificazione della cantina
  • Riscaldamento ausiliario di volani inerziali
  • Installabile su impianti esistenti con pellets, pannelli solari, caldaia

 

Esecuzione split

  • Per bollitori fino a 500 l
  • Per famiglie fino a 5 persone
  • Temperatura acqua calda fino a 60°C con la sola Pompa di Calore
  • Pronta all'uso
  • Installazione semplice
  • Ingombro minimo
  • Canalizzazioni aria fino a 20 m totali
  • Scambiatore a piastre integrato
  • Pompa di circolazione integrata
  • Funzione antilegionella con la sola pompa di calore
  • Disponibile anche in kit con bollitore da 300 o 500 litri
  • Regolatore Tiptronic Plus con display Touch-screen multifunzionale: funzione sbrinamento (funziona con aria esterna fino a -10°C), gestione resistenza elettrica (esterna, non inclusa), funzione ventilazione, regolazione velocità ventilatore, orologio e programmazione intervallo di funzionamento, funzioni SmartGrid

 

 
Caratteristiche tecniche
Dimensioni  (Diam. x H) 650 mm x 426 mm
Peso 45 kg
Potenza termica resa
in condizioni L21/W15-55
2,0 kW
COP in condizioni L21/W15-55 4,4
COP ciclo normale 3,5
COP EN16147 (con SP300, profilo XL) 3,16
Quantità max. acs EN16147 373 litri 
Pressione sonora a 1 metro 49 db
Alimentazione elettrica 230 V / 50 Hz
Potenza max. resist. elettr. esterna 2,5 kW
Temperatura min/max aria aspirata     -10°C / +40°C
Temperatura massima acqua calda +60°C
Attacchi idraulici 3/4" 
Dimensioni canali aria diametro 160 mm
Portata aria a bocche libere 510 m3/h
Lunghezza massima totale canali aria
(aspirazione + espulsione)
20 m
Refrigerante/Carica R134a / 0,53 kg

Note pratiche

E' molto importante il collegamento idraulico corretto della Europa Mini IWP, che deve essere sempre nella parte inferiore dell'accumulo di acqua calda sanitaria.

La pompa di calore ha una potenza termica limitata e un salto termico di circa 5K, collegando il ritorno nella parte bassa e la mandata nella parte alta dell'accumulo quando la pompa di calore è in funzione si rimescolano le due zone termiche rovinando la stratificazione delle temperature, con la riduzione della quantità di acqua calda disponibile.

Anche la posizione della sonda di temperatura è molto importante: se è troppo in alto la partenza della pompa di calore sarà ritardata ed il tempo richiesto per la ricarica dell'accumulo aumenterà; se è più bassa dell'altezza dell'attacco del ritorno della pompa di calore la ricarica dell'accumulo non risulterà mai soddisfatta e la pompa di calore si bloccherà per l'intervento di uno dei sistemi di protezione (temperatura massima di mandata o alta pressione del circuito frigorifero).

I due schemi riportati sotto evidenziano il collegamento corretto e la posizione consigliata per la sonda di temperatura:

 Europa Mini IWP Collegamento Corretto
Collegamento corretto della Europa Mini IWP, sonda di temperatura in posizione corretta.
 Europa Mini IWP Collegamento Sbagliato
 Collegamento sbagliato della Europa Mini IWP, sonda di temperatura troppo in alto.

La ripresa ed espulsione dell'aria utilizzata dalla pompa di calore possono avvenire liberamente, oppure essere canalizzate (una o entrambe) a seconda del luogo di installazione. 

Per l'eventuale canalizzazione dell'aria, utilizzare tubi diam. 160 mm, coibentati per evitare condensa superficiale, con lunghezza massima totale di 20 m e un massimo di 3 curve a 90° (considerare una lunghezza equivalente di 1 m per ogni curva a 90° aggiuntiva).

I fattori più importanti da considerare sono la portata d'aria e il fatto che l'aria viene raffreddata da una potenza frigorifera di circa 1,5 kW.

La portata d'aria nominale a bocche libere è di 510 m3/h. Se la macchina è ad esempio installata in un locale tecnico di 6m2 alto 3 m con un volume di 18 m3, la portata nominale corrisponde ad un ricambio d'aria di 28 volumi/h. Se il locale è chiuso e non ha ricambio d'aria verrà raffreddato velocemente, la temperatura dell'aria potrebbe scendere troppo e creare dei problemi al funzionamento della pompa di calore. In locali più grandi, quali ad esempio dispense o cantine, questo effetto potrebbe essere sfruttato sia per raffreddare il locale che per deumidificarlo. Il risultato finale dipende anche dalla quantità di ore giornaliere di funzionamento del compressore, che dipende a sua volta dalla quantità di acqua calda consumata. Indicativamente, la pompa di calore funziona da 1,5 a 2 h al giorno per ogni persona che consuma acqua calda. Una installazione di questo tipo è consigliata ad esempio nei locali centrale termica, dove si può recuperare il calore disperso da caldaie e tubazioni (specialmente con caldaie a biomassa). Nelle centrali termiche o comunque nei locali dove siano presenti apparecchi a combustione, occorre sempre verificare che il funzionamento della pompa di calore non provochi problemi alla combustione con potenziali pericoli conseguenti.

A volte è possibile aspirare l'aria direttamente dal locale e canalizzare l'espulsione dell'aria all'esterno. In questo caso, occorre tenere presente che l'aria del locale espulsa deve venire compensata da altrettanta aria entrante e prevedere un passaggio adeguato per il ricambio d'aria. In difetto, il locale andrà in depressione rispetto ad altri ambienti e la portata d'aria effettiva si ridurrà con possibili malfunzionamenti della pompa di calore. Il ventilatore della pompa di calore è regolabile ed è possibile ridurre la portata d'aria se la temperatura dell'aria aspirata è abbastanza alta (con aria a 20°C si può ridurre la portata fino al minimo di 310 m3/h).

Ad esempio in caso di installazione in un garage con la sola aria espulsa canalizzata all'esterno, si deve tenere presente che in pieno inverno nei periodi molto freddi si abbasserà la temperatura di tutto il garage a causa del rientro di aria esterna.

In caso di abitazioni con sistemi di ventilazione meccanica con recupero di calore, l'installazione consigliata è con canalizzazione verso l'esterno sia dell'aspirazione che dell'espulsione. Questo eviterà problemi di equilibrio delle portate del sistema di ventilazione meccanica quando si accende la pompa di calore.

La pompa di calore Europa Mini IWP è indicata per famiglie fino a 5 o 6 persone: può produrre indicativamente 300 litri al giorno di acqua calda sanitaria. A seconda delle condizioni di funzionamento, se ad esempio si aspira aria sempre "calda" da un locale tecnico o si preleva l'acqua a temperatura ridotta, si può arrivare ad una produzione massima di circa 500 litri/gg. La pompa di calore è prevista per il funzionamento fino a circa 9 ore al giorno. Funzionamenti più prolungati e senza interruzioni con aria aspirata a basse temperature, nonostante la funzione di sbrinamento automatico possono provocare accumuli di brina e ghiaccio sull'evaporatore, che impediscono il passaggio dell'aria e portano al blocco dell'apparecchio per temperatura evaporatore troppo bassa. 

Per lo stesso motivo, la pompa di calore Europa Mini IWP è destinata alla sola produzione di acqua calda sanitaria e non è utilizzabile per la funzione di riscaldamento degli ambienti.